La rassegna-Raccontiamoci le mafie

La rassegna

Dal 2015 la rassegna racconta attraverso libri e testimonianze dirette, ma anche utilizzando altre forme espressive ed artistiche, esperienze di lotta e di contrasto alle mafie e al loro radicamento al Nord, al fine di approfondire temi utili ad acquisire una maggior consapevolezza del fenomeno mafioso e delle sue diramazioni in tutti gli ambiti socio-economici del nostro Paese.

 

L'obiettivo, fin dalla prima edizione, è stato quello di promuovere a livello territoriale una sana cultura di legalità, di impegno, di verità e giustizia, per coltivare quotidianamente, anche attraverso semi di memoria e l'ascolto di esperienze concrete, le basi necessarie per poter vincere questa battaglia di libertà e civiltà.

 

La rassegna in questi anni ha dato spazio e “voce", durante l’ultima settimana di settembre, a tutti coloro che, a vario titolo, hanno lottato con naturale senso del dovere e di responsabilità contro la criminalità organizzata, la corruzione e il malaffare, opponendosi, anche a costo della propria vita, ad ogni forma di illegalità e ingiustizia. E l’ha fatto utilizzando appunto testimonianze dirette, libri, arte, poesia, teatro e musica, sfruttando cioè linguaggi della cultura pensati per veicolare con incisività al più ampio pubblico possibile temi complessi e impegnativi.
 

La formazione civile contro le mafie attraverso i linguaggi della cultura, elemento che caratterizza questa rassegna, intende così rispondere al bisogno di costruire e consolidare dal basso un progetto che promuova consapevolezza, attenzione e riconoscimento di corresponsabilità verso una colonizzazione delle mafie ormai accertata anche nei nostri territori, come dimostrato anche da vari processi terminati o tuttora in corso, ma che ancora troppe persone tendono ad ignorare o a sminuire.